Percorso

Lista atleti < Torna alla lista dei percorsi

Il km verticale di Villa di Tirano

Villa di Tirano, piazza Luigi Torelli (m 404) - Maranta (m 440) - Bait (m 675) - Piazzo (m 838) - Canova (m 933) - Bertòla (m 1016) - Stavello (m 1216) - Sasso (m 1418) e fin qui è il km verticale. Per il rientro consigliamo di andare a Lughina (m 1468) e scendere per il sentiero 398, che in alto coincide col 301, su Ramaione (m 1106) - San Sebastiano (m 735) - Reula (m 700) - Ronco (m 590) - Maranta (m 440) - Villa di Tirano, piazza Luigi Torelli (m 404). Essendo il tracciato molto tecnico e muscolare, il tempo del "lento" diventa molto soggettivo, per cui prendete i riferimenti cronometrici che ho inserito con le pinze!

Visualizza la mappa in un'altra scheda Visualizza l'altimetria in un'altra scheda

Luogo di partenza: Villa di Tirano, piazza Luigi Torelli (m 404)

Altezza partenza: m 404

Quota massima: m 1418

Dislivello positivo: 1014 m

Lunghezza: 3,3 km

Tempo (lento agonista): 1h 00' 00''

Data prima prova: 10/12/2015

Dettagli su: LMD - n.35 Inverno 2015, pp. 80-90

Galleria Fotografica

Intertempi

1
Tempo: 25' 30''

Piazzo (m 834) - cartello di legno

2
Tempo: 30' 00''

Canova (m 933) - al passaggio accanto alla casa con l'affresco del Tagliaferri

3
Tempo: 44' 00''

Stavello (m 1216) - cartello indicatore accanto alle baite.

I migliori tempi

Maschili
1. Enrico Benedetti 39' 58''
2. Daniele Moncecchi 44' 58''
3. Mattia Del Molino 50' 28''
Femminili
1. Cristina Del Molino 1h 00' 57''
2. Gioia Zenoni 1h 11' 52''
05/10/2017 19:28 tempo fatto in gara alla melavertical. Tomas Fratoni
25/03/2017 15:30 Giro fatto in condizioni di tempo e temperatura ottimali. Sentiero ottimamente segnalato,bello tosto non molla dall'inizio alla fine, non proprio ideale per il mio fisico,infatti sono sorpreso di averlo finito di pochissimo sotto l'ora.
Paesaggi e vista sulle orobie da cartolina .
Complimenti per il lavoro che avete fatto anche per gli altri percorsi . Bravi
Tomas Fratoni
01/10/2016 13:32 Con il fresco della sera e senza sole si sale decisamente meglio! Anche i cartelli con i km mancanti danno una bella spinta in più, a sabato prossimo! Daniele Moncecchi
27/09/2016 16:25 Ho fatto il percorso oggi con Marco De Gasperi senza esagerare con le andature. Giornata molto calda, ma il tracciato è in condizioni ottime in quanto è stato magistralmente pulito per il Mela Vertical dell' 8 ottobre (http://melavertical.altervista.org/). Si riescono a staccare bei tempi con molta meno fatica di quanta ne serviva col sentiero colmo di foglie.
Purtroppo non ho preso gli intertempi, ma confermo che Canova (intertempo 2) è esattamente a metà salita.
Marco prevede che gli atleti più preparati possano stare decisamente sotto i 35', trattandosi di un percorso potenzialmente molto veloce.
Vi aspetto sabato!
Beno
Enrico Benedetti
13/09/2016 15:45 La notizia che tra un mese si correrà su questo tracciato la MelaVertical mi ha spinto a provarlo.
Percorso molto bello, pulito e tenuto bene, anche se le foglie che rendono tutto scivoloso, soprattutto ora che comincia l'autunno, non mancano! In compenso rendono tutta l'atmosfera molto più colorata!
Giornata caldissima, quindi la piccola fontanella all'arrivo è stata molto apprezzata.
Daniele Moncecchi
17/07/2016 15:29 Splendida mattinata in compagnia di Cristina! Un altro sentiero (e altre gambe) rispetto a quando l'avevo provato a gennaio sotto la pioggia prima e la neve poi.
Volevo correrlo tutto, ma alla fine ho indugiato in qualche passo all'altezza di Stavello.
Data la mia predilezione per le discese, mi sono divertito molto anche nella seconda parte.
Come già segnalato, ci sarebbe bisogno di riaffrancare qualche segnavia.
Mattia Del Molino
17/07/2016 12:51 Ottimo percorso, pulitissimo, complimenti a chi lo mantiene, asciutto, in gran parte camminato, solo i veri atleti possono correre su certe pendenze! Clima ideale, ombreggiato, bello bello bello! E' caduto qualche cartello indicatore, nel dubbio basta seguire sempre il sentiero più ripido!!
Cristina Del Molino
08/05/2016 18:07 Faticosissimo. Camminato per il 95% del percorso. La quantità di fogliame ancora presente sull'acciottolato è enorme: si scivola moltissimo e non è agevole la spinta.
Da affrontare con prudenza, per analoghi motivi, anche la discesa.
Marco Bonati
31/12/2015 12:25 Si attraversano posti meravigliosi, che vale la pena soffermarsi a scoprire sulla via del ritorno, senza fretta! Speriamo che vento e pioggia spazzino via un po' di fogliame, perchè in certi punti si fanno tre passi avanti e due indietro!!! Gioia Zenoni
31/12/2015 12:01 Dopo la tirata di stamattina con Sansi sul percorso di Spriana, in preda al delirio di onnipotenza, sono andato a farmi il km verticale di Villa assieme a Gioia. Condizioni meteo perfette, ma fondo scivolosissimo. Da Canova in su avevo finito la benzina e, tra una caduta e l'altra, ho raggiunto Sasso del tutto sfinito. Lassù gli ultimi raggi di sole ci scaldavano mentre il fondovalle era tutto in ombra. Per fortuna la discesa da Lughina era più pulita della scorsa volta. Enrico Benedetti
11/12/2015 00:01 Ho camminato per tutta la salita. Molto scivoloso a causa del fogliame, ma comunque la bellezza dei luoghi e il tracciato compensano la fatica. I discesa ho corso, ma anche qui con qualche tacca del freno. In realtà volevo scoprire il percorso, la performance la rimando alla prossima vita. Nicola Giana
10/12/2015 20:08 L'obbiettivo era quello di fare tutto il giro correndo. Ce l'ho fatta, ma devo confessare che la salita è durissima: 1000 metri in circa 3 km! Appena sopra Stavello, lo noterà chi si cimenta in questa sfida verticale, le pendenze diventano estreme.
Ho trovato il fondo molto scivoloso a causa del fogliame che copriva il risc, per cui in su era difficile spingere e in giù si rischiava di volare.
L'anello è bellissimo, ma corribile solo per i più allenati e bravi tecnicamente. Credo che tra correre e camminare in salita a livello cronometrico non cambi nulla.
I posti, i paesaggi, il sole che stemperava l'inverno hanno fatto da cornice a uno splendido allenamento.
Enrico Benedetti
10/12/2015 20:04 L'obbiettivo era quello di fare tutto il giro correndo. Ce l'ho fatta, ma devo confessare che la salita è durissima: 1000 metri in circa 3 km! Ho trovato il fondo estremamente scivoloso a causa del fogliame che copriva il risc, per cui in su era difficile spingere e in giù si rischia di volare. L'anello è bellissimo, ma corribile solo per i più allenati e bravi tecnicamente. Enrico Benedetti
< Torna alla lista dei percorsi
created with ObjectWeb framework