Link ClickAlps


 

Iscriviti alla newsletter LMD


Campi obbligatori
Acconsento al trattamento dei dati personali ai sensi dell'art. 13 del D. Lgs. 196/2003

Contatore

n.39 - Inverno 2016 - dal 21 dicembre nelle migliori edicole

n. 39 - inverno 2016SPECIALI
10    Emil Zsigmondy (1861-1885)
Personificazione dell'alpinismo senza guide
19    Racconti di Antonio Boscacci Ismaele
24    Val di Togno 18 cime in 18 ore
37    Antichi mestieri La resinatura del pino silvestre
40    In 623 verso la cima di Castello L'escursione patriottica del 4-5 giugno 1911

ALPINISMO
50    Alta Valtellina Piz Schumbraida (m 3125)
60    Valchiavenna Pizzaccio ( m 2588)
70    Approfondimenti Bivacco Valcapra (m 2164)
74    Valmalenco Scialpinismo nella conca di Sassersa

ESCURSIONISMO
82    Percorsi di corsa 19 km tra Postalesio, Castione e Sondrio
95    Percorsi di corsa 8 km tra Postalesio e Castione
98    Personaggi Intervista a Phil Gale ed Emmie Collinge
100  Bassa Valtellina Monte Bassetta (m 1746)
106  Alta Valtellina Passeggiata a Grosotto

RUBRICHE
114  Viaggi Da Kathmandu al Regno di Lo
122  Natura Nocciolo e pino cembro
128  Rubriche Le foto dei lettori
144  Giochi
 Soluzioni del n.38 e concorsi del n.39
146  Le ricette della nonna Nespolata
 

EDITORIALE 
Scendendo da una montagna si è spesso portati a cercare scorciatoie, andandosi così a ficcare nei guai. Per rientrare sani e salvi, si deve allora risalire e scegliere un altro percorso. È vero che tornare indietro costa fatica, ma è la soluzione migliore. Il discorso dovrebbe valere anche per le scelte di sviluppo economico di questa valle. I soldi facili che si pensava arrivassero col turismo di massa e di basso livello, con la grande distribuzione e il consumismo sfrenato, con la speculazione edilizia e l’abbandono delle attività tradizionali, con la costruzione di strade e capannoni ovunque, alla fine facili non sono stati e non lo saranno mai. Certo, nel marasma e nell’eccitazione per la novità, qualcuno si è arricchito a dismisura, ma la comunità nel complesso è più povera e ha dilapidato importanti risorse. Questi fuochi di paglia per di più hanno portato a un detrimento del territorio e a una grave perdita d’identità dei suoi abitanti. Occorrerebbe a questo punto il coraggio di risalire un po’, quel che basta per poter individuare un altro itinerario.
created with ObjectWeb framework