Iscriviti alla newsletter LMD

Campi obbligatori
Acconsento al trattamento dei dati personali ai sensi dell'art. 13 del D. Lgs. 196/2003 e art. 13 GDPR 679/2016

n.67 - Inverno 2023

n.67 - Inverno 2023SPECIALI
10 Don Giuseppe Buzzetti (1886-1934)
L'alpinista solitario svanito tra le montagne
>>>vai alla pagina dedicata<<<<
22 Racconti di Bruno Galli-Valerio
Bisce e vipere - parte II
26 Valli del Bitto e Ruspe
Invito a nozze
30 Runcasc
La multifunzionalità in agricoltura

ALPINISMO
34 Val Màsino/Valchiavenna Punta Torelli (m 3137) e Altare
44 Vachiavenna
Punta Buzzetti (m 2505)
52 Orobie         
Nella grotta del pizzo di Redorta

ESCURSIONISMO
62 Valchiavenna 
Nel labirinto della val Lobbia
73 Approfondimenti
Don Siro Tabacchi (1916-2010): l'ultima gita con don Buzzetti 
74 Valmalenco         
Attorno alla Rocca di Castellaccio (m 1786)
86 Versante retico 
Il ritorno del Diavolo
94 Approfondimenti 
I presunti petroglifi della val Fontana
96 Alta Valtellina 
Da Bormio a Sant' Antonio Valfurva
102 Approfondimenti 
125 anni fa, l'incendio di Sant'Antonio Valfurva

RUBRICHE
106 Viaggi Camminando nell'Himalaya
114 Natura Junior Rombo il bombo
118 Funghi I cerchi delle streghe
122 Flora Linaria alpina
126 Oggetti 
128 Le foto dei lettori
138 Le ricette della nonna Pizza di polenta

 

EDITORIALE
di Beno

 
«Se un giorno incappassi nei resti di don Giuseppe Buzzetti, cosa dovrei fare?»
Pur sapendo che non è una circostanza possibile, questa assurda domanda ha iniziato a battermi in testa mentre raccoglievo il materiale per realizzare l'articolo su di lui, svanito tra i monti oramai 90 anni fa.
Però questa domanda non mi era nuova...
Quand'era scomparso sui monti il mio compagno di scalate, per mesi lo abbiamo cercato. Volevo trovarlo per capire cosa gli fosse accaduto e se avrei potuto evitargli sofferenze intervenendo prima. Sapevo che, se io mi fossi perso, lui probabilmente sarebbe stato il solo che mi avrebbe potuto trovare, e portavo il peso della consapevolezza che, forse, valeva il viceversa.
Così infatti è stato. Quel giorno, quando ho tolto la neve che gli copriva il capo, sfiorandogli i capelli con la mano mi è parso di rivivere il suo incidente condensato in un'istante. Al sollievo di aver constatato che, anche se fossi giunto soltanto un'ora dopo la valanga, nulla sarebbe cambiato, si contrapponeva il senso di colpa perché, ora che avevamo scoperto il suo corpo, gli sarebbe toccata la sorte che tocca ai defunti in questa fetta di mondo.

«Quelle campanelle - scriveva Bruno Galli-Valerio - danno un suono di morto, quel gran panorama di valli, di laghi e di ghiacciai, diventa una piccola chiesa dove ardono ceri, e dove si prega presso una bara. Ma io, io lo conosco quel morto! Dove volete portarlo? No, no, non seppellitelo laggiù nel piccolo cimitero dove non arriva mai il sole, dove non fiorisce che qualche pianticella del piano! Portatelo lassù, lassù in alto, sopra gli alti pascoli di Scais, là dove il povero vecchio, come il padre Balthazar dell' Arlésienne, aveva domandato a Dio, in cui credeva, di morire in mezzo alle sue Alpi, là dove brillano così luminose le stelle.
Lasciate, lasciate quei ceri, quelle cerimonie da teatro: accompagnatelo tutti lassù alla sua ultima dimora, là di fronte ai ghiacciai del Redorta, nella valle ch'egli ha tanto amato. La neve gli appresterà un lenzuolo più bello di quello che voi gli avete preparato. Al venire della primavera, le azzurre genziane, i rododendri pari a grandi rose, ne orneranno la sepoltura. Portatelo, portatelo lassù il vecchio Bonomi. Egli non vi domandava né preci né fiori. Vi domandava solo quella libertà, che gli fu sì cara in vita, e che voi volete togliergli ora, rinserrandolo in una cassa, fra le quattro mura di un triste cimitero.
»

Se un giorno trovassi i resti di don Giuseppe Buzzetti...
Ora so cosa dovrei fare: sorridergli e dirgli che saprò mantenere un segreto!
 

Hanno collaborato a questo numero:
Adele Mori, Alessandra Morgillo, Alessandro Castriciano, Andrea Martocchi, Beno, Bruno Mazzoleni, Carlo Barilani, Corrado Lucini, Dario Cossi, Davide Zugnoni, Enus Mazzoni, Enzo Vanotti, Federica Nova, Fausto Compagnoni, Fausto De Bernardi, Fabio Pusterla, Flavio Casello, Franca Prandi, Gabriele Fusetti, Giacomo Meneghello, Gioia Zenoni, Giovanni Rovedatti, Giuliano Giacomella, Giuseppe Conforto, Jean Malka, Kim Sommerschield, Luciano Bruseghini, Ludovico Mottarella, Marco Bettomè,  Mario Pagni, Marino Amonini, Marzia Possoni, Matteo Gianatti, Matteo Tarabini, Maura Gurini, Mauro Premerlani,  Paolo De Pedrini, Pietro Nana, Raffaele Occhi, Renzo Benedetti, Riccardo Scotti, Roberto Dioli, Roberto Ganassa, Roberto Lisignoli,  Roberto Moiola, Silvano Rossotti, Silvia Ruffoni, Stefano Roverato, Tano Perlini e Viviana Mauri.

Si ringraziano inoltre:
Giordano Gusmeroli, Marta Ravelli, Rossano Libera, Mimmo Fiorelli, Nicola Donagrandi, Giordano Angel, Silvio Gaggi, Avis Comunale di Sondrio, CAI Valtellinese (archivio Alfredo Corti), famiglia Nino Gianola, Flavio Tarabini, tutti gli intervistati e quelli che ci hanno accompagnato nelle gite, la Tipografia Bonazzi, gli edicolanti che ci aiutano nel promuovere la rivista, gli sponsor che credono in noi e in questo progetto... e tutti quelli che ho dimenticato di citare.
 

Ultimi video de LMD / Nemus


05 dicembre 2023Da Prata alla punta Buzzetti al pizzo di Prata per la parete E, sulle orme di don Giuseppe Buzzetti. Gita e riprese effettuate nel maggio 2019.
 
Riprese e montaggio: Beno e Carlo (www.lemontagnedivertenti.com)
Strumentazione: DJI mini 2, Pentax k1 con Pentax con 24-70 mm f/2.8, Videocamera Sony a buon mercato di Carlo



9 maggio 2023
On the eastern branch of Lake Ceresio - that which extends in an arc towards the Lario - before the waves wash onto the gravel beaches at Porlezza they are confronted by a broad wooded headland which descends from the calcareous mountains above before sweeping gently into the lake. Clusters of red roofs in groups ascend the hillside chequered with patches of Mediterranean gardens stitched together with mule-tracks and torrents. High up beyond, the hillside is crowned with rocks which grant protection from the cold north winds. Here dense forests embroidered with a network of silent trails and footpaths rise and fall, penetrating gulleys and gorges, while the rocky crests and pinnacles which emerge from the seemingly impenetrable carpet of greenery and lead upwards to the open summits. Together with an extended article in the Le Montagne Divertenti magazine (n.64 - Primavera 2023), this documentary, filmed in the winter of 2023, is dedicated to the Valsolda. 
 
It was filmed using Panasonic Lumix Gh5 II con Olympus M.Zuiko Digital ED 12-40mm f/2.8 PRO, Pentax K1 and Dji Mavic Mini 2.
Filming: Beno
Editing: Alessandro Castriciano
Texts: Corrado Lucini
Translations and narration: Kim Sommerschield
Original soundtrack: Ilario Longhi and Alessandro Castriciano

Un progetto Nemus.video



3 maggio 2023
Giancarlo Colla, 94 anni, è un noto alpinista di Luino che sulle montagne che si specchiano nel lago Maggiore ha vissuto incredibili avventure.
Dal monte Rosa allo Zeda, dal Lema al Limidario, dal Tamaro a pizzo di Vogorno, a piedi, in bici e con gli sci. I suoi racconti, corroborati da emozione e simpatia, abbracciano quasi un secolo, dalla Seconda Guerra Mondiale, al boom industriale fino ad affacciarsi al nuovo secolo, con obbiettivi ed entusiasmo sempre nuovi.
Pure in vecchiaia Colla non ha mai perso la voglia di reinventarsi e così ha pubblicato una originale guida escursionistica per alpinisti novantenni, per la quale ha ripercorso alcuni itinerari di gioventù al passo d'anziano.
Questo breve filmato è una veloce anteprima, lavori in corso, della docu-intervista che Nemus ha iniziato a realizzare sulla sua vita. 

 
Riprese e fotografia: Beno
Montaggio e post produzione: Alessandro Castriciano
Scenografia: Silvia Nardo
Aiuto regia: Gioia Zenoni
Strumentazione: DJI mini 2, Pentax K1 con Pentax D FA 24-70mm f/2.8 ED SDM WR HD, Pentax K3 con Tamron 70-200 mm f/2.8, Panasonic Gh5 II con Sigma 20-40mm f/2.8 EX DG e Olympus M.Zuiko Digital ED 12-40mm f/2.8 PRO, Panasonic GX80 con Sigma 30mm f/1.4 DC DN C, Fujifilm X-T1 con ottica 50 mm f/2.8 vintage
Musiche oroginali: Ilario Longhi e Alessandro Castriciano  

Un progetto Nemus.video



21 marzo 2023
Sul confine con la Svizzera, tra Lugano e Porlezza, s'affaccia sul lago Ceresio la bella val Solda. In quest'angolo della provincia di Como, a picco sopra orti e ulivi s'alzano, inaspettate, imponenti cime di dolomia: dal monte dei Pizzoni, al monte Bronzone, al Sas di Mont, al Torrione. Un progetto Nemus.video
 
Riprese: Beno
Montaggio: Alessandro Castriciano
Testi e voce: Corrado Lucini
Strumentazione: DJI mini 2, Pentax k1, Panasonic Gh5 II
Musiche oroginali: Ilario Longhi e Alessandro Castriciano  


14 dicembre 2022Dalla val Bodengo alla Valmalenco: suggestioni e anticipazioni del n.63 - Inverno 2022 de Le Montagne Divertenti. Con Vanessa, Carlo, Gioia, Margherita, Lucia, Mauro, Renzo, Mario e Andrea.
 
Riprese e montaggio: Beno e Carlo (www.lemontagnedivertenti.com)
Strumentazione: DJI mini 2, Pentax k1 con Pentax con 24-70 mm f/2.8, Pentax KP con Sigma 18-200 mm f/3.5-6.3 DC Macro OS HSM C
Musica: Musiche: Dsodigital, “Leaves” (Freesound.org); Nullhertz, “Playng color” (Pixabay.com); Lexin Music, “Inspring cinematic ambient” (Pixabay.com); Magnetic trailer, “Mountain path” (Pixabay.com); Dream protocol, “Mountain pass” (Pixabay.com); Serge Quadrado, “Spy jazz” (Freemusicarchive.org).


3 settembre 2021Splendido anello escursionistico con partenza e arrivo alla diga del Luzzone nella valle di Blenio (Svizzera - Ticino). La gita che abbiamo compiuto, lunga oltre 30 km, attraversa il piano della Greina, coi suoi fenomeni carsici, tra cui il famoso arco di roccia alto una decina di metri e lungo una dozzina. Punto più alto dell'escursione è il piz Terri (m 3149), poggio panoramico sulle vette di Ticino e Grigioni.
 
Riprese e montaggio: Beno (www.lemontagnedivertenti.com)
Strumentazione: DJI mini 2, Pentax k1 con Pentax con 24-70 mm f/2.8, Ricoh GRIII , Pentax KP con Sigma 17/70 mm f/2.8-4
Musica: Il cammino della montagna (brano scritto da Ilario Longhi e Araldyca - registrato presso Art&Music Factory).
created with ObjectWeb framework