Link ClickAlps


 

Iscriviti alla newsletter LMD


Campi obbligatori
Acconsento al trattamento dei dati personali ai sensi dell'art. 13 del D. Lgs. 196/2003

Contatore

n.37 - Estate 2016 - dal 21 giugno nelle migliori edicole

n. 37 - estate 2016SPECIALI
10    Fred Gaiser e Bertl Lehmann Dalla Foresta Nera al Cengalo
18    Lo spigolo NO del Cengalo Racconto di Bertl Lehmann
22    Racconti di Antonio Boscacci Sull'avventura...del Qualido
30    Montagne per tutti Intervista a Walter Fumasoni
35    Percorsi di corsa I quattro percorsi attivi

ALPINISMO
36    Val Bondasca Pizzo Cengalo (m 3369) - via Gaiser-Lehmann
48    Val Masino Pizzo Cengalo (m 3369) - via normale
52    Alpi Orobie Dalla Pesciöla (m 2168) al Drùet (m 2868)
62    Valchiavenna Monte Gruf (m 2936)
68    Approfondimenti Val Codéra, la vita d'una volta

ESCURSIONISMO
72    Valmalenco Alta Via: VII tappa (rifugio Bignami - rifugio Cristina)
82    Approfondimenti Alpeggiatori e contrabbandieri
90    Alpi Orobie In MTB sulla Rosetta
97    Approfondimenti Rifugio della Corte
98    Alta Valtellina Val Trela - val Alpisella

RUBRICHE
108  Viaggi Islanda - Il trekking delle sorgenti calde
114  Natura Gambero di fiume
120  Rubriche Poesie / Le foto dei lettori
136  Giochi
 Soluzioni del n.36 e concorsi del n.37
138  Le ricette della nonna Gnocchi di farinéi

- ALLEGATI OMAGGIO AL N.37 IL LIBRETTO E LA MAPPA DELLA VALMALENCO 1:25000 DEDICATI AL SENTIERO RUSCA -



EDITORIALE 

La vetta della montagna offriva un punto di vista privilegiato da cui studiare le nostre prossime avventure.
Trovato un sasso comodo e sgombro dalla neve, contemplammo l’orizzonte per molto tempo, incuranti che quell’indugiare ci avrebbe consegnati alla notte. Era ovvio che, nonostante l’imbrunire, non avremmo resistito alla tentazione di scendere per una via che non conoscevamo e per una valle che nemmeno era sulla nostra cartina. Mai avremmo rinunciato a una scorpacciata di emozioni per rendere la giornata ancora più speciale.
Le incognite non ci preoccupavano: se uno di noi avesse avuto paura o fosse rimasto indietro, l’altro l’avrebbe aiutato, o spronato prendendolo in giro fino a fargliela passare. Ironizzare sulle proprie debolezze funziona sempre.
Funzionò anche quel giorno. D’inverno. Sulla Cassa del Ferro.
Ora che il mio amico Caspoc’ se n’è andato, non posso che pensarlo felice, mentre è alla scoperta di posti nuovi e mi prende in giro vedendomi spaventato.

di Beno

 
 
created with ObjectWeb framework