Iscriviti alla newsletter LMD


Campi obbligatori
Acconsento al trattamento dei dati personali ai sensi dell'art. 13 del D. Lgs. 196/2003

Contatore

n.42 - Autunno 2017 - dal 21 settembre nelle migliori edicole

n. 42 - autunno 2017SPECIALI
10 Julius Payer Dall'Adamello all'Artico
18 Racconti di Antonio Boscacci
L'appello
22 Avventura 
tra lago di Como e Valtellina

ALPINISMO
32 Porte di Valtellina 
Monte Adamello
44 Alta Valtellina 
Cima della Reit
54 Orobie
L'anello della cima Dassola
64 Orobie L'anello del monte Seleron

ESCURSIONISMO

74 Val Màsino
Sentiero Roma 3a tappa
84 Approfondimenti
L'album dei ricordi del rifugio Gianetti
88 Valchiavenna Val Schiesone. Un anello per il rifugio del Biondo
100 Approfondimenti Su pei monti della val Schiesone
104 Valmalenco Laghi di Cassandra. 8 gioielli colorati ai piedi del Disgrazia

RUBRICHE
116 Viaggi
U.S.A. Parchi nazionali
124 Natura
 Le salamandre alpine/ Liquirizie di montagna
129 Rubriche 
Oggetti di una volta / Poesia 
134 Rubriche Le foto dei lettori / Giochi
146 Le ricette della nonna
Fugascia de fiorétt


EDITORIALE 
di Beno

Se il vostro amico Mario stesse per perdere il controllo della sua autovettura perché viaggia troppo velocemente, voi che gli consigliereste di fare? Certamente non di accelerare, ma di rallentare.
Se Andrea, il titolare della concessionaria di auto, e i suoi amici invece sbeffeggiassero Mario facendolo sentire inadeguato per la sua velocità - troppo moderata - e per non saper correre ogni giorno più forte, voi che pensereste di loro? Certamente che non vogliono il bene di Mario, perché non è certo la velocità a cui Mario viaggia e a cui si è assuefatto a renderlo felice, né tantomeno Mario potrà mai trarre benessere dal constatare che la lancetta del tachimetro è sempre più a destra, né, ragionevolmente, essere pago di trovarsi nel mezzo di una bolgia di auto in corsa senza una meta. Inoltre, prima o poi, se continuasse ad accelerare Mario andrebbe a schiantarsi. Forse ciò che manca a  Mario - concluderebbe qualsiasi uomo assennato - è un obbiettivo da raggiungere, un punto fisso, qualcosa che lo faccia sentire in pace e a proprio agio, cioè in una situazione di equilibrio (non precario) con se stesso e ciò che lo circonda.
Considerazioni ovvie. Credo nessuno possa dissentire.
Se sostituissi “Mario”  con “noi”,  la “sua autovettura” con “la nostra vita”, “viaggiare” con “consumare” e “Andrea e i suoi amici” coi “mass media”, quello che risulterebbe è una fedele descrizione della società moderna, un marasma impazzito di consumatori che sta distruggendo il mondo in cui vive a una velocità sempre maggiore e spinto da false necessità.
Rallentare significherebbe frenare un’economia alla deriva, l’esplosione demografica, ridurre i consumi e gli sprechi, ripartire meglio la ricchezza e cercare obbiettivi compatibili con le risorse a disposizione.
Per farlo un primo passo sarebbe indignarsi con la stampa quando luttuosamente titola che “Il fondo monetario lancia l’allarme: le previsioni di crescita economica sono state ridimensionate al +1,3%”, e non ingoiare passivamente questo invito/persuasione a un maggiore impegno per il suicidio collettivo mascherato da “necessaria fuga dalla povertà”.

Novità: Alta Via della Valmalenco - il nuovo libro

  • Alta Via della Valmalenco
  • Mappa allegata al volume
  • Ordina qui
created with ObjectWeb framework